TAM: Abruzzo, Campania, Lazio, Marche, Molise e Umbria per “Sentieri, ambienti e comunità”

logotambig-e1489947492297.jpg

Le due giornate di Amatrice del 5 e 6 settembre 2015, sul tema “Sentieri, ambienti e comunità. Sviluppi possibili”, volute e organizzate da 6 Gruppi regionali CAI d’Appennino (Abruzzo, Campania, Lazio, Marche, Molise e Umbria) hanno espresso l’impegno del CAI nella funzione di presidio e di prevenzione. Nello scenario del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga la Sezione Cai di Amatrice è un esempio di efficiente presidio con una diffusa presenza nel territorio, in città, nelle frazioni, sui sentieri nella costante opera di educazione e di avvicinamento alla montagna.

Il CAI è anche nel suggestivo paesino montano di Preta, segnato dall’arenaria e dall’acqua. Intervenendo invece su area vasta, l’azione coordinata di più GR CAI, rappresenta lo strumento per incidere nei momenti di pianificazione con mirato riferimento anche all’esperienza del CamminaItalia. Una importante occasione è quella del rilancio di APE (Appennino Parco d’Europa), già presentato all’EXPO di Milano e che sarà riproposta sempre a Milano il prossimo 2 ottobre, questa volta anche con il CAI tra i relatori. Escursionismo, sentieri e tutela sono gli strumenti guida per la fruizione di luoghi e culture secondo le indicazioni della CETS (Carta europea del turismo sostenibile).

Il CAI per presenza capillare e competenze è in grado di svolgere il ruolo di mediatore sociale tra associazioni, istituzioni, privati, residenti e turisti, muovendosi tra conservazione ed innovazione, utilizzando i potenti indicatori del BIDECALOGO nel rispetto di tradizioni e paesaggi. Tra i temi emersi la REI (Rete escursionistica italiana ) e FEDERPARCHI (Federazione delle Aree Protette) con i rispettivi ruoli. I sentieri montani, ai quali va riconosciuto il valore culturale e di presidio, sono da tutelare dagli accessi motorizzati con legge e adeguamento del codice della strada. In materia di sentieri è stato efficace l’esempio di gestione della Rete di sentieri sui monti del Trentino. Una “buona pratica” esportata dal CAI e che potrà essere utilmente accolta, tramite il GR, dalla Regione Abruzzo che su questo tema ha nel cassetto un intervento, coordinato con i Parchi, di 1.500.000,00 Euro.

La TAM plaude a iniziative e proposte che sollecitano riposte culturali, di presidio e pianificazione, considerando l’estrema vulnerabilità di territori esposti anche al disseto idrogeologico. Così si assegna centralità alla montagna, la si proietta fuori dalle secche dell’emergenza e della settorialità e si costruiscono utili alleanze per le Terre Alte. Il CAI, guardando al domani, cresce nella tutela attiva che porta alla durevolezza di processi e risorse.

Autore: Filippo Di Donato
Presidente Cctam del CAI www.cai-tam.it
Componente CAI nel CD Federparchi
f.didonato@caiabruzzo.it 3397459870

Scarica qui il PDF dell’articolo
Articolo convegno Amatrice

Condividi

PinIt
CAI Sezione di Amatrice

About CAI Sezione di Amatrice

Lo Staff della Sezione del CAI Amatrice, attiva sul territorio dal 1995.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top